Se dovrai attraversare il deserto, non temere, Io sarò con te.

Se dovrai camminare nel fuoco, la sua fiamma non ti brucerà.

Seguirai la mia luce nella notte, sentirai la mia forza nel cammino,

io sono il tuo Dio, Signore.

Sono io che ti ho fatto e plasmato, ti ho chiamato per nome.

Io da sempre ti ho conosciuto e ti ho dato il mio amore.

Perché tu sei prezioso ai miei occhi, vali più del più grande dei tesori,

Io sarò con te dovunque andrai.

Non pensare alle cose di ieri, cose nuove fioriscono già,

aprirò nel deserto dei sentieri. Darò acqua nell’aridità,

perché tu sei prezioso ai miei occhi.

Io ti sarò accanto, sarò con te,

per tutto il tuo viaggio starò con te.

 

   

Vangelo del giorno 17 maggio 2015 (Ascensione del Signore anno B)

 ASCENSIONE DEL SIGNORE (ANNO B)

Antifona d'ingresso
“Uomini di Galilea,
perché fissate nel cielo lo sguardo?
Come l’avete visto salire al cielo,
così il Signore ritornerà”. Alleluia. (At 1,11)
 
Atti degli Apostoli 1,1-11.
Nel mio primo libro ho già trattato, o Teòfilo, di tutto quello che Gesù fece e insegnò dal principio
fino al giorno in cui, dopo aver dato istruzioni agli apostoli che si era scelti nello Spirito Santo, egli fu assunto in cielo.
Egli si mostrò ad essi vivo, dopo la sua passione, con molte prove, apparendo loro per quaranta giorni e parlando del regno di Dio.
Mentre si trovava a tavola con essi, ordinò loro di non allontanarsi da Gerusalemme, ma di attendere che si adempisse la promessa del Padre "quella, disse, che voi avete udito da me:
Giovanni ha battezzato con acqua, voi invece sarete battezzati in Spirito Santo, fra non molti giorni".
Così venutisi a trovare insieme gli domandarono: "Signore, è questo il tempo in cui ricostituirai il regno di Israele?".
Ma egli rispose: "Non spetta a voi conoscere i tempi e i momenti che il Padre ha riservato alla sua scelta,
ma avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi e mi sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samaria e fino agli estremi confini della terra".
Detto questo, fu elevato in alto sotto i loro occhi e una nube lo sottrasse al loro sguardo.
E poiché essi stavano fissando il cielo mentre egli se n'andava, ecco due uomini in bianche vesti si presentarono a loro e dissero:
"Uomini di Galilea, perché state a guardare il cielo? Questo Gesù, che è stato di tra voi assunto fino al cielo, tornerà un giorno allo stesso modo in cui l'avete visto andare in cielo".

Salmi 47(46),2-3.6-7.8-9.
Applaudite, popoli tutti,
acclamate Dio con voci di gioia;
perché terribile è il Signore, l'Altissimo,
re grande su tutta la terra.

Ascende Dio tra le acclamazioni,
il Signore al suono di tromba.
Cantate inni a Dio, cantate inni;
cantate inni al nostro re, cantate inni.

Dio è il re di tutta la terra,
cantate inni con arte.
Dio regna sui popoli,
Dio siede sul suo trono santo.

Lettera di san Paolo apostolo agli Efesini 4,1-13.
Fratelli, vi esorto io, il prigioniero nel Signore, a comportarvi in maniera degna della vocazione che avete ricevuto,
con ogni umiltà, mansuetudine e pazienza, sopportandovi a vicenda con amore,
cercando di conservare l'unità dello spirito per mezzo del vincolo della pace.
Un solo corpo, un solo spirito, come una sola è la speranza alla quale siete stati chiamati, quella della vostra vocazione;
un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo.
Un solo Dio Padre di tutti, che è al di sopra di tutti, agisce per mezzo di tutti ed è presente in tutti.
A ciascuno di noi, tuttavia, è stata data la grazia secondo la misura del dono di Cristo.
Per questo sta scritto: Ascendendo in cielo ha portato con sé prigionieri, ha distribuito doni agli uomini.
Ma che significa la parola "ascese", se non che prima era disceso quaggiù sulla terra?
Colui che discese è lo stesso che anche ascese al di sopra di tutti i cieli, per riempire tutte le cose.
È lui che ha stabilito alcuni come apostoli, altri come profeti, altri come evangelisti, altri come pastori e maestri,
per rendere idonei i fratelli a compiere il ministero, al fine di edificare il corpo di Cristo,
finché arriviamo tutti all'unità della fede e della conoscenza del Figlio di Dio, allo stato di uomo perfetto, nella misura che conviene alla piena maturità di Cristo.

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Marco 16,15-20.
In quel tempo Gesù apparve agli Undici e disse loro: «Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura.»
Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo, ma chi non crederà sarà condannato.
E questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno i demòni, parleranno lingue nuove,
prenderanno in mano i serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno, imporranno le mani ai malati e questi guariranno».
Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu assunto in cielo e sedette alla destra di Dio.
Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore operava insieme con loro e confermava la parola con i prodigi che l'accompagnavano. 
 O M E L I A
a cura di
Qumran2.net
 padre Antonio Rungi 
 Il nostro canto di gioia per l'Ascensione del Signore

Celebriamo oggi l'Ascensione al cielo di nostro Signore Gesù Cristo, mistero della gioia e di speranza per ogni cristiano. Cristo, infatti, sale al cielo tra i canti di gioia del suo popolo in festa, perché va a preparare un posto nel suo Regno per tutti i suoi figli e per gli uomini di buona volontà. La solennità dell'Ascensione ci proietta con la mente ed il cuore al nostro ultimo e definitivo destino, quello della vita oltre il tempo e per un'eternità beata. Oggi, più della stessa solennità della Pasqua i cristiani sono in festa e gioiscono perché il loro Signore e Redentore ritorna al luogo della sua partenza, non dopo aver portato a termine la sua missione redentiva nei confronti del genere umano. Infatti, il Signore Gesù, re della gloria, vincitore del peccato e della morte, oggi è salito al cielo tra il coro festoso degli angeli. Mediatore tra Dio e gli uomini, giudice del mondo e Signore dell'universo, non si è separato dalla nostra condizione umana, ma ci ha preceduti nella dimora eterna, per darci la serena fiducia che dove è lui, capo e primogenito, saremo anche noi, sue membra, uniti nella stessa gloria. E' questa la consolante promessa per tutti noi: dove è Lui saremo anche noi. Ma per realizzare questo sogno di eternità è necessario lavorare per la nostra personale santificazione e per quella dei nostri fratelli. Siamo invitati a guardare e a fissare il cielo, ma siamo anche richiamati a camminare con i piedi per terra.
E'  bello guardare e fissare l'azzurro del cielo, il sole, la luna, le stelle ed il creato intero che esprimono il senso dell'infinito e dell'eterno, ma è dovere di ciascuno di noi fissare lo sguardo sulle realtà, non sempre positive, di questa nostra martoriata terra, che necessita di testimoni di santità e di vita nuova in Cristo, capace di risvegliare le coscienze dei lontani. Cristo non è infatti lontano, egli è più intimo a noi più del nostro stesso cuore. La sua ascensione è in realtà la nostra maggiore vicinanza a Lui. Egli ci attende in un luogo meraviglioso, eterno, di vera felicità. Il posto è stato prenotato, bisogna far sì che venga occupato quando Egli ci convocherà e noi dobbiamo essere pronti per rispondere: Eccomi Signore, prendimi per mano, Dio mio, verso i pascoli eterni e la gioia senza fine.
Nel racconto circostanziato degli Atti degli Apostoli del momento dell'Ascensione, comprendiamo perfettamente ciò che hanno sperimentato nel loro cuore i discepoli di Gesù: dolore per la partenza, ma certezza e gioia della sua vicinanza, comunque e sempre, anche se in modo diverso rispetto al passato.
Il breve brano del Vangelo di Marco ci dice come stanno esattamente le cose per i cristiani e per la chiesa dopo l'ascensione al cielo del Signore. Noi siamo i suoi missionari, noi siamo i suoi inviati. Dovunque siamo e qualsiasi cosa facciamo abbiamo il dovere di far conoscere, amare e servire il Signore. E ciò è possibile in vari modi e in molteplici circostanze; ma un modo più rispondente alla cultura di oggi è quello dell'uso dei mass-media. Nell'annuale messaggio del Papa per le comunicazioni sociali, in occasione della giornata mondiale delle comunicazioni che si celebra nel giorno dell'Ascensione, dobbiamo comprendere cosa ci spetta fare per evangelizzare ed andare in tutto il mondo a portare il vangelo. Una volta i missionari camminavano fisiacamente per portare il vangelo, oggi camminano virtualmente attraverso la rete e sicuramente questo nuovo modo di evangelizzare risponde meglio alle attese dei giovani che usano Internet e che in questo modo possono accostarsi indirettamente a Cristo e alla Chiesa. Le comunicazioni sono un'opportunità nuova rispetto al passato: oggi, nell'era della globalizzazione, dobbiamo viaggiare e navigare nella rete telematica per far conoscere Cristo a quanti hanno l'unico modo per comunicare con gli altri.
Il comando del Signore rivolto a tutti i suoi discepoli, quindi anche a noi, ci obbliga ad andare in tutto il mondo per portare la parola della salvezza, senza violare la coscienza e la libertà degli altri, ma semplicemente proponendo la via di Cristo, come via maestra verso la verità e la felicità. La salvezza che Cristo è venuto a portare riguarda tutti e la Chiesa in questo suo compito di evangelizzazione e missione non può assolutamente venir meno, anzi, deve farsi carico dell'esigenza di una nuova evangelizzazione utilizzando anche le nuove tecnologie per incontrare fisicamente e virtualmente il popolo di Dio sparso in tutto il mondo.
Il mistero dell'Ascensione che celebriamo oggi ci impegna a verificare la nostra fedeltà al vangelo e di conseguenza ad annunciare il vangelo con la coerenza della vita, prima di ogni parola che possiamo e dobbiamo dire a questo scopo. Giustamente l'Apostolo Paolo nella seconda lettura di oggi ci richiama ai nostri fondamentali doveri di cristiani anche in questo nostro tempo, che allontana sempre di più dal proprio orizzonte l'esperienza di una fede vissuta e proclamata. Bisogna comportarsi in maniera degna della nostra identità umana e cristiana, come leggiamo nella lettera agli Efesini, oggi.
La grande gioia che pervade il nostro cuore in questo giorno di festa, perché Cristo è andato a prepararci un degno posto a ciascuno di noi nel suo Regno di luce, pace, amore, carità e verità, ci fa elevare con forza la preghiera a Colui è la nostra speranza e la nostra vera felicità: "Esulti di santa gioia o Padre, per il mistero che celebra in questa liturgia di lode, poiché nel tuo Figlio asceso al cielo la nostra umanità è innalzata accanto a te, e noi, membra del suo corpo, viviamo nella speranza di raggiungere Cristo, nostro capo, nella gloria".
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...