Se dovrai attraversare il deserto, non temere, Io sarò con te.

Se dovrai camminare nel fuoco, la sua fiamma non ti brucerà.

Seguirai la mia luce nella notte, sentirai la mia forza nel cammino,

io sono il tuo Dio, Signore.

Sono io che ti ho fatto e plasmato, ti ho chiamato per nome.

Io da sempre ti ho conosciuto e ti ho dato il mio amore.

Perché tu sei prezioso ai miei occhi, vali più del più grande dei tesori,

Io sarò con te dovunque andrai.

Non pensare alle cose di ieri, cose nuove fioriscono già,

aprirò nel deserto dei sentieri. Darò acqua nell’aridità,

perché tu sei prezioso ai miei occhi.

Io ti sarò accanto, sarò con te,

per tutto il tuo viaggio starò con te.

 

   

Vangelo del giorno 1 aprile 2015

Antifona d'ingresso
Nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi
in cielo, in terra e sottoterra,
perché Gesù si è fatto obbediente
fino alla morte, alla morte di croce:
per questo Gesù Cristo è il Signore,
a gloria di Dio Padre. (Fil 2,10.8.11)
 
 
Libro di Isaia 50,4-9a.
Il Signore Dio mi ha dato una lingua da iniziati, perché io sappia indirizzare allo sfiduciato una parola. Ogni mattina fa attento il mio orecchio perché io ascolti come gli iniziati.
Il Signore Dio mi ha aperto l'orecchio e io non ho opposto resistenza, non mi sono tirato indietro.
Ho presentato il dorso ai flagellatori, la guancia a coloro che mi strappavano la barba; non ho sottratto la faccia agli insulti e agli sputi.
Il Signore Dio mi assiste, per questo non resto confuso, per questo rendo la mia faccia dura come pietra, sapendo di non restare deluso.
È vicino chi mi rende giustizia; chi oserà venire a contesa con me? Affrontiamoci. Chi mi accusa? Si avvicini a me.
Ecco, il Signore Dio mi assiste: chi mi dichiarerà colpevole?

Salmi 69(68),8-10.21bcd-22.31.33-34.
Per te io sopporto l'insulto
e la vergogna mi copre la faccia;
sono un estraneo per i miei fratelli,
un forestiero per i figli di mia madre.
Poiché mi divora lo zelo per la tua casa,
ricadono su di me gli oltraggi di chi ti insulta.

L'insulto ha spezzato il mio cuore e vengo meno.
Ho atteso compassione, ma invano,
consolatori, ma non ne ho trovati.
Hanno messo nel mio cibo veleno
e quando avevo sete mi hanno dato aceto.

Loderò il nome di Dio con il canto,
lo esalterò con azioni di grazie,
Vedano gli umili e si rallegrino;
si ravvivi il cuore di chi cerca Dio,
poiché il Signore ascolta i poveri
e non disprezza i suoi che sono prigionieri.

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 26,14-25.
In quel tempo, uno dei Dodici, chiamato Giuda Iscariota, andò dai sommi sacerdoti
e disse: «Quanto mi volete dare perché io ve lo consegni?». E quelli gli fissarono trenta monete d'argento.
Da quel momento cercava l'occasione propizia per consegnarlo.
Il primo giorno degli Azzimi, i discepoli si avvicinarono a Gesù e gli dissero: «Dove vuoi che ti prepariamo, per mangiare la Pasqua?».
Ed egli rispose: «Andate in città, da un tale, e ditegli: Il Maestro ti manda a dire: Il mio tempo è vicino; farò la Pasqua da te con i miei discepoli».
I discepoli fecero come aveva loro ordinato Gesù, e prepararono la Pasqua.
Venuta la sera, si mise a mensa con i Dodici.
Mentre mangiavano disse: «In verità io vi dico, uno di voi mi tradirà».
Ed essi, addolorati profondamente, incominciarono ciascuno a domandargli: «Sono forse io, Signore?».
Ed egli rispose: «Colui che ha intinto con me la mano nel piatto, quello mi tradirà.
Il Figlio dell'uomo se ne va, come è scritto di lui, ma guai a colui dal quale il Figlio dell'uomo viene tradito; sarebbe meglio per quell'uomo se non fosse mai nato!».
Giuda, il traditore, disse: «Rabbì, sono forse io?». Gli rispose: «Tu l'hai detto».

 
O M E L I A
a cura di
Qumran2.net
 
 Movimento Apostolico - rito romano  
Quanto volete darmi perché io ve lo consegni?
Ognuno vede cose e persone secondo il suo cuore. Se il cuore è puro, si vede la storia che cade sotto i nostri occhi in pienezza di verità. La si vede secondo Dio. La si vede dalla sua luce, dalla sua giustizia, dal suo diritto, dai suoi comandamenti. Se invece esso è impuro, tutto si guarda con occhi appannati e tutto viene interpretato a partire dai propri pensieri di peccato, disonestà, stoltezza, empietà. Idolatria, cattiveria, assenza di misericordia, mancanza di compassione, assenza di purissima luce divina.
Possiamo dire che il cuore impuro si crea la sua verità, il suo metro di giudizio e di valutazione, la canna con la quale misurare ogni cosa. Tutti possiamo avere un cuore impuro. La storia attesta che molti papi, molti vescovi, molti presbiteri, molti diaconi, molti fedeli laici hanno vissuto con il cuore impuro. Essa ci attesta altresì che molti imperatori, molti re, molti principi, molti duchi, molti marchesi, molti baroni, molta gente del popolo si è lasciata governare dall'impurità della sua mente e dei suoi pensieri. Anche gli amministratori della giustizia spesso hanno travisato la storia, assolvendo il reo e condannando l'innocente a causa del cuore impuro.
Gli Evangelisti, persone dal cuore puro, illuminati dalla potente luce dello Spirito Santo vedono Giuda secondo verità storica e lo presentano come persona concupiscente, assetato di denaro, ladro. Lui è consumato dalla bramosia del denaro. Non è riuscito a vincere questo vizio del suo cuore. Da esso è stato trascinato ad uno dei più efferati delitti. Si è venduto Gesù ai suoi nemici, a coloro che ad ogni costo volevano la sua morte. Il suo cuore era talmente cieco da pensare solo al suo guadagno. Per nulla ha pensato al male che avrebbe arrecato al suo amico. Quando poi si accorse che i farisei e gli altri stavano giocando un gioco di morte, allora si pentì del suo gesto. Ma ormai era troppo tardi. La disperazione lo assalì e andò ad impiccarsi.
Giuda non è dannato perché ha tradito Cristo Signore. Gesù lo aveva già rassicurato. Ogni peccato contro il figlio dell'uomo sarà perdonato. Anche il suo tradimento sarebbe stato perdonato. Un solo peccato non sarà mai perdonato: quello contro lo Spirito Santo. Giuda si disperò della salvezza. Non credette nel perdono di Gesù. Per questo si è impiccato ed ha fatto la morte degli empi. Questa è la verità dello Spirito Santo che gli Evangelisti ci offrono. Noi invece partendo dal nostro peccato, dal nostro cuore impuro cosa diciamo? Che anche Giuda si è salvato. Su quali elementi scritturistici diciamo questo? Sulla interpretazione empia e malvagia di ogni parola della Scrittura.
Succede un evento. Si vive una storia. Quasi mai siamo in grado di vedere ogni cosa non dico secondo divina verità, ma almeno secondo la più pura realtà storica. Se il nostro cuore è impuro, è sempre unilaterale, manca della visione globale. È però tristezza infinita che quanti sono chiamati ad illuminare gli eventi con una luce policroma, spesso si lascino anche loro avvolgere da una visione monocorde. Gli Evangelisti sono giornalisti perfetti, perché leggono la realtà con visione divina, vedono tutte le sfumature. Noi teologici non siamo giornalisti perfetti. Vediamo la realtà sfocata.
Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, dateci una visione celeste. 
 
 
 
 
 
Articoli correlati:  
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...