Se dovrai attraversare il deserto, non temere, Io sarò con te.

Se dovrai camminare nel fuoco, la sua fiamma non ti brucerà.

Seguirai la mia luce nella notte, sentirai la mia forza nel cammino,

io sono il tuo Dio, Signore.

Sono io che ti ho fatto e plasmato, ti ho chiamato per nome.

Io da sempre ti ho conosciuto e ti ho dato il mio amore.

Perché tu sei prezioso ai miei occhi, vali più del più grande dei tesori,

Io sarò con te dovunque andrai.

Non pensare alle cose di ieri, cose nuove fioriscono già,

aprirò nel deserto dei sentieri. Darò acqua nell’aridità,

perché tu sei prezioso ai miei occhi.

Io ti sarò accanto, sarò con te,

per tutto il tuo viaggio starò con te.

 

   

Le religioni di Abramo

Il Signore disse ad Abram:"Lascia la tua terra, la tua tribù, la famiglia di tuo padre, e và nella terra che io ti indicherò... (Genesi 12,1-5)

(vocazione di Abramo Gen. 17, 1-21)
Ci sono nel mondo tre religioni monoteiste che, pur nella loro diversità, hanno due riferimenti in comune: la storia della rivelazione di Dio ad Abramo e la città santa di Gerusalemme, esse sono, in ordine cronologico: l’ebraismo, il cristianesimo, l’Islam.
La storia della chiamata di Abramo è narrata dalla Bibbia, risale al 1900-1800 a.C. e si colloca in quella zona chiamata “mezzaluna fertile”, estesa dal Mediterraneo orientale fino alla Mesopotamia, in cui sorsero le prime grandi civiltà della nostra cultura (dai Sumeri, agli Assiri, ai Babilonesi, ai Persiani).

Gli Ebrei sono consapevoli che la storia del loro popolo inizia proprio con l’alleanza tra Dio e Abramo, un pastore vissuto in Mesopotamia nel XIX secolo a.C. Abramo lascia la sua casa, la sua terra, Ur di Caldea, per obbedire alla chiamata di Dio che gli promette una terra dove abitare e una discendenza numerosa come le stelle del cielo e la sabbia del mare. Gli Ebrei si considerano discendenti dei figli di Giacobbe, figlio di Isacco, figlio a sua volta, di Abramo e di sua moglie Sara, e quindi discendenti di Abramo stesso. I Cristiani si riconoscono figli di Abramo perchè Gesù era ebreo e quindi discendente di Abramo come tutto il popolo ebraico.
I musulmani invece, sarebbero discendenti di Ismaele, il figlio che Abramo ebbe dalla schiava egiziana Agar. E quindi riconoscono Abramo come loro padre.
Infine tutte e tre le religioni considerano Abramo loro padre perchè ha creduto in un solo Dio, si è fidato di Lui, della sua chiamata e della sua promessa.
Per tutti questi motivi le tre religioni menzionate sono dette abramitiche, derivate cioè da Abramo.

La Città di Gerusalemme, capitale dello stato d’Israele, è considerata santa da queste tre religioni. Per gli ebrei essa è santa perchè, come è scritto nella Bibbia, è “Dio stesso che l’ha disegnata sulle palme delle sue mani” (Isaia 49,16), per i cristiani Gerusalemme è santa perchè lì sono avvenuti i fatti più importanti della vita di Gesù, per i musulmani è città santa perchè, secondo la tradizione islamica, Maometto è salito al cielo dalla roccia custodita nella moschea di Omar, riconoscibile dalla cupola dorata.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...